Studi e ricerche per
settori, mercati e applicazioni

La tecnologia obsoleta è il principale ostacolo alla trasformazione digitale delle aziende europee

  • Nel 57% delle aziende intervistate la tecnologia fatica a tenere il passo con le esigenze della digitalizzazione
  • Nei prossimi tre anni è previsto il raddoppio delle implementazioni cloud, mentre nel 2017 si assisterà a un deciso incremento delle soluzioni di automazione robotica dei processi e di varie applicazioni Oracle e SAP
  • Solo poche aziende hanno attinto e ai vantaggi degli strumenti di produttività e collaborazione totalmente integrati

Milano, 2 febbraio 2017 –  La tecnologia obsoleta è quello che impedisce alle aziende europee di concretizzare i veri vantaggi offerti dalla trasformazione digitale, secondo quanto emerge da un nuovo studio realizzato dalla società di ricerche Pierre Audoin Consultants (PAC) e pubblicato da Fujitsu. Degli oltre 500 responsabili IT responsabili di linee di business intervistati, appartenenti a grandi aziende, ben più della metà (57%) ha ammesso che la propria infrastruttura tecnologica fatica a tenere il ritmo del livello di esigenze, senza precedenti, che la digitalizzazione impone.

La survey,1 commissionata da Fujitsu per identificare le tendenze in atto nei servizi applicativi di business in diversi Paesi europei, si è concentrata sulle principali sfide tecnologiche che le aziende stanno affrontando nel corso delle rispettive iniziative di trasformazione digitale: strategie e tendenze future in termini di investimenti su software SAP e Oracle, come trasformare l'infrastruttura tecnologica legacy e come ottimizzare la produttività.

L'elevato livello di impreparazione identificato è sottolineato dal fatto che la trasformazione digitale, sebbene proponga numerose opportunità per le aziende, non è ancora diventata la principale priorità sull'agenda delle aziende. Fujitsu e PAC hanno scoperto che solamente poco più del 10% delle aziende si considera leader nell'ambito della trasformazione digitale e solo il 17% giudica il digitale come questione di vita o di morte per il proprio business. Un ulteriore 42%, sebbene convinto dell'impatto che potrà avere la trasformazione digitale, ritiene che altre sfide - come le problematiche di natura economica - abbiano la precedenza.

Ravi Krishnamoorthi, SVP & Head of Business Consulting, Digital & Application Services di Fujitsu EMEIA, ha commentato: “È sorprendente constatare come siano così poche le aziende che stanno approfittando completamente dei vantaggi della trasformazione digitale, anche se è incoraggiante sapere che nei prossimi 12-36 mesi assisteremo a notevoli progressi in questa direzione. Ci aspettiamo che le aziende trasferiscano sempre più workload e applicazioni sul cloud e intraprendano passi significativi per migliorare non solo la loro agilità di business ma anche l'efficacia dei loro budget IT. Nel frattempo, molte aziende proveranno a continuare a far girare i processi critici su software sviluppato decenni fa, che sta iniziando a mostrare cedimenti se sotto pressione”.

Nick Mayes, Research Director di PAC, ha aggiunto: “La sfida che deve affrontare la maggior parte delle grandi aziende è quella di non essere progettate per l'era digitale. Molte hanno compiuto grandi passi avanti, ma continuano a subire la concorrenza di nuovi player di mercato nativi digitali. Per competere con efficacia, le aziende stanno rifondando le loro infrastrutture tecnologiche - dal backend fino alle applicazioni enterprise e ai tool per la produttività - ma si trovano di fronte a infinite scelte e a una notevole quantità di cambiamenti disorientanti tra i portafogli dei diversi vendor. E non si tratta solamente di implementare l'infrastruttura giusta per risolvere le esigenze digitali delle aziende: molte di esse stanno iniziando a rendersi conto che anche le strategie meglio ponderate non andranno a buon fine se il personale non ne viene coinvolto”.

Trasformazione applicativa

Problematiche di natura tecnologica e culturale sono in cima all'elenco dei fattori che bloccano la trasformazione digitale: si tratta in particolare dell'obsolescenza della tecnologia e delle infrastrutture aziendali, della difficoltà di integrare il digitale nei sistemi legacy e delle sfide associate alla diffusione di un cambiamento culturale all'interno delle stesse organizzazioni IT. Secondo gli intervistati, le applicazioni legacy vengono in special modo considerate un fardello che provoca, come principale preoccupazione, un effetto negativo sull'agilità aziendale seguito da un assorbimento di budget tecnologico che potrebbe essere meglio sfruttato per supportare l'innovazione.

Il sondaggio ha tuttavia confermato la prospettiva di cambiamenti significativi in arrivo nell'arco del prossimo triennio. Allo stato attuale, solo il 20% degli intervistati ha effettuato la migrazione di oltre metà delle proprie applicazioni verso un modello di delivery basato su cloud; tuttavia questa proporzione è destinata probabilmente ad aumentare di oltre due volte nei prossimi 36 mesi. L'implementazione attiva dell'automazione robotica dei processi dovrebbe aumentare nel corso del 2017, promossa dalla volontà di rafforzare l'affidabilità, la velocità e il focus dei processi interni ed esterni.

SAP S/4HANA®

SAP S/4HANA rappresenta la novità più significativa introdotta nella suite gestionale SAP in un'intera generazione. Andando ben oltre una nuova release del comprovato sistema ERP basato sulla piattaforma SAP HANA®, SAP ha fondamentalmente modificato il modo in cui opera il sistema core. Con questa suite di nuova generazione, quasi tutti gli attuali clienti SAP intervistati si aspettano che queste piattaforme continuino a giocare un ruolo importante nel supporto delle rispettive agende digitali. La ricerca prevede che il 2017 sarà un anno di svolta in termini di adozione di SAP S/4HANA, con il 40% circa di intervistati che nei prossimi 12 mesi ha in programma di avviare un progetto destinato a migliorare i processi esistenti e ridurre i costi operativi. SAP S/4HANA fornisce valore in tutte le line-of-business sbloccando la produttività e rendendo possibili nuovi modelli di business per l'era digitale. Le aziende possono esplorare il valore di SAP S/4HANA consultando il sito www.s4value.com.

Oracle Cloud Applications

Con le aziende di ogni comparto produttivo che stanno passando alle applicazioni basate su cloud per ottenere una superiore agilità, quel che occorre è la possibilità di affidarsi a un'architettura software capace di supportare i progetti di trasformazione. Le aziende interpellate che sono attualmente impegnate nel deployment di applicazioni Oracle affermano nella nettissima maggioranza di considerare tali applicazioni come un elemento essenziale per rendere possibili le rispettive strategie digitali. Il 21% ha già implementato applicazioni Oracle e una proporzione quasi doppia prevede di avviare un progetto nei prossimi 12 mesi. Le Oracle Cloud Applications hanno ricevuto un'ulteriore conferma della loro validità dal momento che nessun intervistato ha intenzione di passare a un cloud provider alternativo. Il deployment non è tuttavia scevro di difficoltà: quasi metà del campione interpellato ha sottolineato come la sfida principale per l'implementazione sia la carenza di competenze interne.

Padroneggiare la produttività

Il focus delle trasformazioni digitali delle aziende si è recentemente fissato sul rinnovamento tecnologico. Tuttavia, se un'azienda non possiede la struttura o la cultura appropriate per rispondere alle esigenze in evoluzione del mercato, allora qualunque vantaggio ottenuto dalla sola tecnologia avrà vita breve. La maggior parte degli intervistati si rende conto di questo; tuttavia, attualmente solo il 6% ha implementato tool di collaborazione e produttività totalmente integrati e possiede una forza lavoro in grado di sfruttare efficacemente la tecnologia. Nella maggioranza dei casi, sfruttare l'intero potenziale di questi strumenti è un obiettivo tuttora in via di raggiungimento. In occasione del futuro rollout di nuovi tool di produttività, gli intervistati intendono prioritizzarne il deployment all'interno dei team che lavorano a contatto con i clienti, così da aiutare ad assicurare la focalizzazione dei progetti di trasformazione digitale sulle necessità della clientela.

Note

1 Il sondaggio è stato condotto da PAC nel novembre 2016 sulla base di 500 interviste in Finlandia, Germania, Spagna, Svezia, Emirati Arabi, Regno Unito e Irlanda. Metà campione è costituito da responsabili di funzioni business, mentre l'altra metà ricopre ruoli di responsabilità IT all'interno di aziende da oltre 500 dipendenti. Le persone intervistate rappresentano un ampio ventaglio di settori produttivi come industria, retail, servizi, sanità, banche e produzione automobilistica. I dati saranno condivisi attraverso una serie di webinar gratuiti organizzati da Fujitsu e PAC. Il report è disponibile all'indirizzo https://www.slideshare.net/secret/a8B9iiUjHC06O4

Risorse online

02 febbraio 2017
Esegui ricerca

ASSINFORM Associazione italiana per l'Information Technology | CF: 97383050156 |  ©2008-2017 All rights reserved

 Linkedin - Twitter - Facebook

 

Power by Kalì