Con Urbi e-gov 2012, l’Unione dei Comuni Agorà (in provincia di Pavia) vince il bando della Regione Lombardia per le “Buone Prassi di Semplificazione”

Gli imperativi di efficienza, efficacia, semplificazione, servizi online per cittadini e imprese che risuonano da più parti e sempre più di frequente, trovano compimento nelle “buone prassi” messe in atto dagli Enti che stanno operando concretamente per tagliare la burocrazia e rendere più facili i rapporti con i cittadini
05 settembre 2012

 

Tra queste, grazie alla soluzione Urbi e-gov 2012 - il sistema informativo gestionale e direzionale per i Comuni (e altri Enti) – Agorà, l’Unione dei Comuni di Lungavilla e Verretto (in provincia di Pavia) con l’adozione di una piattaforma web nativa in cloud computing (asp), è riuscita ad abbattere notevolmente i costi di gestione del software e ad ottenere una più rapida circolarità delle informazioni. Ma non solo: è la prima classificata del bando “Lombardia più Semplice”, promosso dall’Assessorato Regionale alla semplificazione e Digitalizzazione, che ha stanziato un riconoscimento di 150.000 euro complessivi ai 15 progetti del territorio regionale attivi e ritenuti particolarmente innovativi[1].

In particolare, l’implementazione di un sistema in grado di fornire strumenti di pianificazione, gestione dei processi e dei procedimenti, misurazione delle performance nonché strumenti utili nella gestione dei rapporti con i cittadini, ha permesso ai Comuni dell’Unione di raggiungere una forte integrazione e condivisione dei dati di tutte le aree oltre che un’immediata e più agevole accessibilità ai servizi per cittadini e imprese (grazie alla modalità online).

La banca dati unica, infatti, ha trasformato i dati e le informazioni prima raccolti presso i diversi servizi, in un sistema di dati gestionali incrociabili tra loro, condizione fondamentale per realizzare controlli sul territorio (strategici in periodi di spending review); la consultazione online della propria posizione contributiva nonché la possibilità di pagamento online si sono rivelate, per esempio, determinanti in tempi di IMU; il rilascio di certificati via web con timbro digitale va sicuramente nella direzione, tracciata dal Governo, che va verso la semplificazione e dematerializzazione. E ancora, la totale dematerializzazione degli atti amministrativi con la firma digitale, l’accesso telematico per iscrizioni ai servizi mensa e trasporto scolastico, la convocazione dei consigli esclusivamente a mezzo PEC, sono tutti risultati che hanno portato Lungavilla e Verretto non solo a un adeguamento alla normativa vigente, ma anche allo snellimento dei processi, alla maggiore efficienza, a conseguire risparmi affatto trascurabili sui costi diretti e indiretti.

I benefici attesi per famiglie e imprese hanno trovato, inoltre, riscontro nella capacità di assolvere in tempi brevi alle richieste: meno tempo impiegato in burocrazia, maggior guadagno (soprattutto per le imprese evitando rallentamenti o blocchi delle attività produttive), soddisfazione garantita per gli utenti!

Una nuova testimonianza, dunque, che, con PA Digitale spa al proprio fianco, gli Enti, sia di piccole che di grandi dimensioni – PA Digitale spa vanta, infatti, tra i suoi clienti Comuni come Salerno, Imperia, Cagliari ecc. ed enti quali il Quirinale, l’ISTAT ecc. - sono in grado di dare risposta non solo alle disposizioni legislative ma anche alle nuove esigenze di una Pubblica Amministrazione moderna e in linea coi tempi



[1]           La “Vetrina delle Buone Prassi” è pubblicata sul sito PRISMA - Pratiche Innovative per la Semplificazione Amministrativa (http://prisma.cestec.eu/vetrina_buoneprassi), la community messa a disposizione degli Enti Locali dalla Regione Lombardia per promuovere i processi di semplificazione mettendo in rete i soggetti pubblici e privati direttamente coinvolti.

 

Esegui ricerca

ASSINFORM Associazione italiana per l'Information Technology | CF: 97383050156 |  ©2008-2016 All rights reserved

 Linkedin - Twitter - Facebook

 

Power by Kalì