Nasce la prima community di Software Vendor per fornire soluzioni e vantaggi innovativi per le banche sul tema Garante Privacy

Nasce la prima community di Software Vendor per fornire soluzioni, vantaggi innovativi per le banche sul tema Garante Privacy

13 marzo 2013

 

Comunicato Stampa

 

Società leader nel SW bancario danno il via con Deloitte a un progetto altamente innovativo in ambito bancario

Nasce la prima community di Software Vendor che mira a fornire soluzioni e vantaggi innovativi per le banche sul tema Garante Privacy

 

  • 7 società leader di settore per la prima volta collaborano per offrire un servizio senza precedenti alle banche, si tratta di Deloitte Consulting Srl (“Deloitte”), Almaviva, CAD IT, Capgemini BST, Enterprise, Sydema , TAS Group
  • Risparmio di risorse e di tempo unito a un metodo che minimizza i rischi: questi gli obiettivi del nuovo approccio
  • Una risposta tempestiva a un’esigenza normativa di grande impatto sul sistema bancario

Milano, 6 marzo 2013 – Una community di leader di settore: questa l’idea assolutamente inedita che Deloitte ha proposto a società leader nel settore informatico per rispondere ad esigenze normative sul tema Garante Privacy relative al settore bancario. Tali società che offrono servizi e prodotti tra loro complementari sono:

  • AlmavivA, la prima ad aderire all’iniziativa, è tra i principali player del settore Banche e Assicurazioni a cui propone soluzioni proprietarie leader di mercato per la gestione dei principali processi di business.
  • CAD IT, una delle realtà più dinamiche nel settore dell’Information Technology, con una posizione di leadership nell’offerta di soluzioni software per l’intermediazione di strumenti finanziari.
  • Capgemini BST, la società controllata da Capgemini Italia e focalizzata sui servizi e prodotti per il mondo finance, leader nei package che gestiscono le procedure per conti correnti, i depositi e i sistemi connessi, i sistemi di pricing e la gestioni delle condizioni.
  • Enterprise impresa che si è affermata nell’ambito dei Sistemi di Pagamento e nei prodotti connessi all’operatività con l’estero.
  • Sydema, software house leader in Italia, focalizzata sugli applicativi per la gestione contabile e organizzativa, del credito non performing (monitoraggio credito problematico, incagli, sofferenze, ias, contenzioso stragiudiziale e giudiziale).
  • TAS Group, la società leader sulla moneta elettronica, i sistemi di pagamento e i sistemi per i mercati finanziari e la tesoreria.

Il contesto in cui s’inserisce questa iniziativa deriva da un provvedimento, emanato dal garante della Privacy, che potrebbe avere grandi impatti sul sistema informativo bancario.

Il provvedimento prevede l’obbligo di conservare per due anni le informazioni relative alle transazioni, anche solo informative, come ad esempio le inquiry effettuate sui rapporti della clientela da parte del personale bancario, ossia gli utenti del sistema informativo.

A fronte di questo provvedimento le banche dovrebbero verificare e adeguare i propri “log”, gli archivi in cui si registrano le operazioni eseguite da loro sistema informativo che come noto è di gran lunga il più complesso di tutti i settori economici.

È quindi, poi, necessario costituire un repository in cui conservare tutte le informazioni per poi munirsi di sistemi per individuare gli eventuali comportamenti scorretti da parte dei propri dipendenti.

Tale provvedimento, infatti, scaturisce da situazioni in cui le informazioni sulle consistenze e movimentazioni della clientela sono state indebitamente divulgate e utilizzate illegalmente.

 

Nell’attuale situazione congiunturale questa “rivoluzione” potrebbe avere impatti significativi sul settore bancario, poiché presuppone progetti che, in molti casi, potranno essere molto costosi, molto lunghi, e con un rischio elevato.

 

A fronte di tale situazione Deloitte ha proposto la costituzione di una community di SW Vendor per offrire una soluzione utile ad affrontare questa problematica agli istituti di credito.

 

Massimo Tomasi, Partner Deloitte e promotore dell’iniziativa, dichiara: “Deloitte supporterà il progetto grazie alla propria profonda expertise nell’ambito processi bancari e architetture ICT con team specializzati . Tale approccio nasce dallo studio e dall’analisi di numerosi progetti realizzati in tale ambito dal network Deloitte anche con l’ausilio prezioso degli specialisti della normativa coordinati dal Partner Tommaso Stranieri”.

 

È la prima volta nella storia del SW Bancario Italiano che un gruppo di società collabora insieme, ciascuna mantenendo la propria autonomia, per offrire un servizio migliore combinando le loro expertise con un approccio comprensivo sia degli aspetti ICT che di quelli organizzativi.

Esegui ricerca

ASSINFORM Associazione italiana per l'Information Technology | CF: 97383050156 |  ©2008-2016 All rights reserved

 Linkedin - Twitter - Facebook

 

Power by Kalì