I casi di successo delle aziende italiane
che hanno adottato soluzioni IT

Ricerca
per mercati e soluzioni:

Alimentare Applicazioni contabili/fiscali Architetture IT (Middleware, MFT, SOA, ESB) Assicurazioni e finanziarie Automotive Aziende associate Banche Big Data Big Data Analytics & Business Intelligence Biotecnologie e farmaceutica BPM - Business Process Management Business analytics Business analytics e big data Casi di successo Chimica Cloud Computing Cloud Computing Comunicati stampa Consumer CRM CSR (Attività sociali, donazioni, GreenIT) Data Center Dati, report e ricerche Difesa e Spazio Digital API Innovation Digital disruption Digital trasformation Distributori hardware e software Distribuzione e Servizi ECM - Gestione Documentale eCommerce Edilizia e costruzioni Education E-Learning/Formazione Elettronica Energy & Utilities Enterprise portal/CMS/Motori di ricerca Enti locali Eventi e sponsorizzazioni Fatturazione elettronica Fornitore di outsourcing/Managed Services/BPO Fornitore servizi di assistenza Fornitore servizi di consulenza Fusioni e acquisizioni Gestionale ERP (SCM, PLM) Global vendor hardware Global vendor software Gomma e materie plastiche Governance Hardware HR/Perfomance Management Imprese Industria IoT ISV Legno e arredo Logistica e trasporti Mercato estero Metallurgia e meccanica Mobile Mobile Mobile App Mobile commerce Mobile Payment Navale Network & System Management Nomine e lavoro Notizie corporate Operatore TLC Outsourcing ICT Partnership e accordi commerciali PMI Premi, risultati e certificazioni Prodotti e soluzioni Pubblica Amministrazione Report e ricerche Reseller hardware e software Reti di impresa RFID Risultati finanziari Robotica Sanità Security & cybersecurity Servizi di Rete fissa e mobile Servizi IT (Data Center, Cloud computing, Storage) Sicurezza integrata (informatica e fisica) Software House Stampa 3D Start Up Start-up Storage Studi professionali/SOHO System integrator Telecomunicazioni e Media Tessile e moda Travel & Transportation Unified Communication & Collaboration Utilities VAR (Value Added Reseller)
Azienda associata
Mercato: Enti locali

Lombardia Informatica

«La nostra è una realtà in continua evoluzione e gli ambienti virtualizzati garantiscono una flessibilità e una rapidità nei tempi di sviluppo altrimenti impossibili da ottenere». Paolo Fornasari, Direttore Tecnologie e Servizi, Lombardia Informatica.

Il cliente

Paese: Italia
Settore: Pubblica Amministrazione§
Anno di costituzione: 1981
Dipendenti: 576
Website: www.lispa.it

La sfida

Negli ultimi anni, Lombardia Informatica ha perseguito un’evoluzione verso sistemi aperti, che oggi deve coniugarsi con una necessaria razionalizzazione degli ambienti. Il progetto di consolidamento e virtualizzazione porta con sé esigenze di recupero degli spazi, continuità nel rilascio dei servizi e risparmio sui costi di acquisto e gestione dei prodotti IT.

La soluzione

La gara sui server indetta da Lombardia Informatica è stata vinta da Fujitsu Technology Solutions, grazie a una soluzione che integra sistemi aperti ad alte prestazioni, competenze estese alle piattaforme software collegate (Red Hat Linux e VmWare vSphere 4) e costi giudicati vantaggiosi. Alla significativa riduzione dei sistemi fisici, si aggiunge la possibilità di redistribuire in modo efficiente i carichi di lavoro.

I benefici 

  • Allineamento alla riorganizzazione complessiva del sistema informativo.
  • A regime l’80% dei server fisici presenti negli ambienti di produzione sarà passato alla virtualizzazione.
  • I costi legati all’acquisto di nuovo hardware e software sono stimati in calo di circa il 30%.

Prodotti e servizi

  • Server Fujitsu rack biprocessore Primergy RX300 S6
  • Sistemi storage SAN Fujitsu Eternus DX80-iSCSI.
  • Servizi integrati di consegna, primo avvio, manutenzione on-site
  • Integrazione piattaforme Red Hat Linux e VmWare vSphere 4

Il cliente

Lombardia Informatica è l’ente strumentale di Regione Lombardia che, in ottica Demand & Supply, si occupa di tutte le tematiche IT che riguardano le attività della regione. L’azienda svolge un ruolo di “cerniera”tra la domanda della Pubblica Amministrazione, l’offerta del mercato dell’Information & Communication Technology e i Cittadini/Imprese che usufruiscono dei servizi.

Nell’ultimo anno di esercizio (2010) ha gestito un volume di attività corrispondente a circa 200 milioni di euro e questo, in termini di capacità realizzative e gestionali, le ha permesso di ottenere la leadership tra le società IT “captive” in Italia. Circa il 60% del fatturato di Lombardia Informatica viene immesso sul mercato attraverso gare a evidenza pubblica.

La sfida

Le esigenze di controllo dei costi e ottimizzazione delle risorse stanno spingendo sempre più gli enti della Pubblica Amministrazione verso processi di consolidamento e virtualizzazione degli ambienti IT. In Lombardia Informatica, questa tendenza si coniuga con la presenza sempre più diffusa di sistemi open, basati su architetture x86 multicore e sistema operativo Linux. Potenza ed espandibilità della memoria sono caratteristiche che consentono di gestire fino a 15 sistemi virtuali all’interno di un’unica macchina fisica. La più efficiente distribuzione dei carichi si accoppia al miglioramento dell’affidabilità dei servizi in un’ottica di business continuity.

La soluzione

Il progetto di consolidamento e virtualizzazione avviato da Lombardia Informatica sta portando alla migrazione in un unico spazio fisico di sistemi prima dispersi in differenti sedi.

Negli ambienti di produzione, una quindicina di macchine fisiche controllano oggi circa 180 sistemi virtuali. Interi servizi, come il Sistema Informativo Socio-Sanitario, sono oggi gestiti nel nuovo ambiente. L’attivazione di nuovi servizi, inoltre, non richiede più l’acquisto di server dedicati, ma può essere allocata su una macchina virtuale, rendendo più efficiente il processo decisionale. Fujitsu Technology Solutions si è aggiudicata la gara “per la capacità di coniugare una soluzione tecnologicamente affidabile a costi adeguati”, ha sottolineato Paolo Fornasari, Direttore Tecnologie e Servizi in Lombardia Informatica.

I benefici

Lombardia Informatica sta procedendo a un significativo rinnovamento infrastrutturale del proprio sistema informativo, che prevede la presenza di un data center primario allocato presso la sede centrale e di un secondo ambiente dedicato non solo al disaster recovery e alla Business Continuity, ma anche all’erogazione di alcuni servizi. Il progetto gestito da Fujitsu Technology Solutions ha, quindi, preso le mosse dalla necessità di allineare gli ambienti alla nuova configurazione infrastrutturale. “Una volta completato il lavoro – spiega Fornasari – circa l’80% dei server fisici presenti negli ambienti di produzione sarà passato alla virtualizzazione”. In linea di massima, questo risultato potrà essere raggiunto verso la metà del 2012, una volta completato il nuovo data center secondario.

Nel complesso, l’ente gestisce oggi circa 200 servizi per Regione Lombardia.

Al di là della riduzione degli spazi fisici occupati e del conseguente risparmio energetico, un vantaggio tangibile legato al progetto è il calo, stimato intorno al 30%, dei costi legati all’acquisto di nuovo hardware e software. “Oltre a questo – aggiunge Fornasari – vanno sottolineate l’ottimizzazione dei tempi necessari per l’individuazione dei malfunzionamenti e la possibilità di attivare più rapidamente nuovi servizi”. Un esempio recente è l’avvio dell’utilizzo della Carta Regionale dei Servizi – già distribuita a 9,9 milioni di cittadini per l’accesso, anche online, ai servizi della Sanità e della Pubblica Amministrazione - come strumento per l’ottenimento di sconti sul carburante previsto nei comuni più vicini alla Svizzera. Un’operazione che ha coinvolto più di un milione di cittadini. Nel complesso, sono già numerosi i servizi portati in ambienti virtualizzati, dai portali per i cittadini (ad esempio per il pagamento dei tributi) a procedure interne che vanno dalla gestione dei finanziamenti ai certificati di malattia. Uno dei primi passaggi importanti è avvenuto all’inizio del 2010, con la migrazione del Sistema Informativo Socio-Sanitario da un sito periferico a quello centrale, che ha portato a un consolidamento dai 120 mq iniziali occupati dai server dedicati a soli 12 rack. “L’opera di virtualizzazione già avviata – puntualizza Salvatore Bencivenni, Responsabile dell’Area di Progettazione delle Infrastrutture – ha spinto in pochi mesi alla dismissione di circa 200 sistemi fisici, oltre a una redistribuzione ottimizzata dei carichi di lavoro sulle macchine x86. Questa operazione ci ha permesso di accelerare il piano di riduzione dei sistemi proprietari a favore dell’adozione di piattaforme open source ”. 

In linea generale, una strada come quella delineata dalla virtualizzazione non si limita a offrire vantaggi legati alla semplificazione degli ambienti IT, ma consente, in particolare agli enti della Pubblica Amministrazione, di rispondere in modo più efficiente alle esigenze dei propri committenti: “La necessità di ricorrere alle gare per effettuare nuovi acquisti – spiega Bencivenni – rende il nostro ciclo di acquisto più lungo rispetto a quanto accade nell’industria privata. L’avvio di un nuovo servizio, quindi, è sempre stato per noi collegato all’acquisto dei server fisici dedicati. Ora, invece, possiamo attivare allo scopo una macchina virtuale”.

In prospettiva, sono già allo studio importanti nuovi progetti di consolidamento, che potrebbero interessare i sistemi informativi di tutti gli enti regionali.

Conclusione

Consolidamento degli ambienti e passaggio diffuso a soluzioni open sono gli elementi portanti dell’attuale evoluzione del sistema informativo di Lombardia Informatica. Fujitsu Technology Solutions si è aggiudicata la gara legata al progetto di virtualizzazione dei sistemi grazie alla capacità di combinare un’offerta tecnologicamente avanzata e affidabile a costi vantaggiosi e competenze estese non solo alle piattaforme hardware, ma anche a quelle software (Red Hat Linux e VmWare vSphere 4) strettamente collegate. La soluzione proposta, tuttora in fase di implementazione, si è integrata nel più complessivo processo di razionalizzazione degli ambienti IT e ha già portato a tangibili risultati in termini di dismissione di sistemi fisici e migrazione dei servizi sui sistemi virtuali.

La nostra è una realtà in continua evoluzione e gli ambienti virtualizzati garantiscono una flessibilità e una rapidità nei tempi di sviluppo altrimenti impossibile da ottenere. Questo si sposa con le nostre esigenze di efficienza nel rilascio dei servizi e di business continuity”. Paolo Fornasari, Direttore Tecnologie e Servizi in Lombardia Informatica 

18 maggio 2011
Esegui ricerca

ASSINFORM Associazione italiana per l'Information Technology | CF: 97383050156 |  ©2008-2016 All rights reserved

 Linkedin - Twitter - Facebook

 

Power by Kalì