I casi di successo delle aziende italiane
che hanno adottato soluzioni IT

Ricerca
per mercati e soluzioni:

Alimentare Applicazioni contabili/fiscali Architetture IT (Middleware, MFT, SOA, ESB) Assicurazioni e finanziarie Automotive Aziende associate Banche Big Data Big Data Analytics & Business Intelligence Biotecnologie e farmaceutica BPM - Business Process Management Business analytics Business analytics e big data Casi di successo Chimica Cloud Computing Cloud Computing Comunicati stampa Consumer CRM CSR (Attività sociali, donazioni, GreenIT) Data Center Dati, report e ricerche Difesa e Spazio Digital API Innovation Digital disruption Digital trasformation Distributori hardware e software Distribuzione e Servizi ECM - Gestione Documentale eCommerce Edilizia e costruzioni Education E-Learning/Formazione Elettronica Energy & Utilities Enterprise portal/CMS/Motori di ricerca Enti locali Eventi e sponsorizzazioni Fatturazione elettronica Fornitore di outsourcing/Managed Services/BPO Fornitore servizi di assistenza Fornitore servizi di consulenza Fusioni e acquisizioni Gestionale ERP (SCM, PLM) Global vendor hardware Global vendor software Gomma e materie plastiche Governance Hardware HR/Perfomance Management Imprese Industria IoT ISV Legno e arredo Logistica e trasporti Mercato estero Metallurgia e meccanica Mobile Mobile Mobile App Mobile commerce Mobile Payment Navale Network & System Management Nomine e lavoro Notizie corporate Operatore TLC Outsourcing ICT Partnership e accordi commerciali PMI Premi, risultati e certificazioni Prodotti e soluzioni Pubblica Amministrazione Report e ricerche Reseller hardware e software Reti di impresa RFID Risultati finanziari Robotica Sanità Security & cybersecurity Servizi di Rete fissa e mobile Servizi IT (Data Center, Cloud computing, Storage) Sicurezza integrata (informatica e fisica) Software House Stampa 3D Start Up Start-up Storage Studi professionali/SOHO System integrator Telecomunicazioni e Media Tessile e moda Travel & Transportation Unified Communication & Collaboration Utilities VAR (Value Added Reseller)

Bridgestone Software Co. Ltd.

  • SETTORE  
  • Servizi IT
  • SOLUZIONI  
  • BladeSymphony BS320
  • Hitachi Universal Storage Platform
  • Hitachi Advanced Server
  • VMware ESX
  • VMware VMotion

Il cliente

La Bridgestone Software Co. LTD (di seguito, Bridgestone Software) sta sviluppando il “progetto di virtualizzazione unificata del server”. L’azienda ha l’esclusiva per lo sviluppo, l’uso e la manutenzione di tutti i sistemi del gruppo Bridgestone. Con il rapido aumento del numero di server dell’ultimo anno si era raggiunto il limite massimo di spazio del server room; da qui la nascita del progetto il cui obiettivo è proprio quello di migliorare tale condizione. Per raggiungere tale scopo, sono state utilizzate la piattaforma di servizi unificata “BladeSymphony” e il software di virtualizzazione “VMware®”, dell’omonima azienda. In questo modo, si ha il grande pregio di realizzare un numero elevato di gruppi di server che aumentano le prestazioni nei computer compatti e al tempo stesso offrono un servizio tempestivo alle aziende.

Un supporto nell’IT alla strategia di business del Bridgestone Group

Dopo i suoi inizi come azienda produttrice di pneumatici, per cui è conosciuta a livello mondiale, la Bridgestone si è sviluppata come infrastruttura dell’IT con Bridgestone Software, costruendo 70 filiali. Come unica azienda operante nell’IT del gruppo Bridgestone, garantisce l’esclusiva per lo sviluppo, l’uso e la manutenzione di qualsiasi sistema, con un numero considerevole di sistemi importanti alla sua base. “Supportare la strategia di business del gruppo Bridgestone dal punto di vista dell’IT è la nostra missione. Vogliamo intraprendere numerose sfide, con la possibilità di affrontare rapidamente i cambiamenti del mercato” afferma Murada.

Si parte dalla virtualizzazione unicata del server per raggiungere l’obiettivo del risparmio dello spazio

Per sostenere l’infrastruttura IT del gruppo Bridgestone, sono stati affrontati diversi problemi, in particolare il grande incremento nel numero di server nell’ultimo anno. “Il numero dei server prodotti, a partire dalla metà degli anni ’90, con lo sviluppo degli open software, ha dimostrato una tendenza all’incremento, soprattutto in questi ultimi anni; attualmente abbiamo raggiunto circa 1.000 unità” dichiara Murada. Aumentando la produzione, però, aumentano anche i costi e le ore lavorative per la manutenzione e la gestione dei sistemi. In azienda è stata progettata l’automazione e l’unificazione della gestione delle applicazioni di sistema in “JP1”, server unificato della Hitachi per la gestione delle applicazioni di sistema, tentando di renderlo il più possibile efficiente. Anche affrontando questa sfida, tuttavia, persistono ancora dei problemi irrisolti, quali lo spazio fisico in cui posizionare il server. Spiega Takano: “Già avevamo raggiunto il limite massimo di spazio nel server room e, anche se il sistema era stato rinnovato, ci trovavamo nella condizione di non avere più spazio libero per posizionare il server che funziona in parallelo”. Il persistere di questa situazione era un ostacolo anche alle operazioni che si sarebbero svolte da quel momento in poi. Quindi, in azienda si è pensato di dare vita al “progetto di virtualizzazione unificata del server”, basato su blade server e software di virtualizzazione del server. È stata selezionata Hitachi come partner di questo progetto. “Hitachi comprende bene i sistemi della nostra azienda. Siamo riusciti a dare una risposta a tutti nostri problemi: da hardware e software, al supporto in fase di assemblaggio, sino al servizio di supporto dopo il lancio sul mercato. Riteniamo che la forza di questa unione stia nel nostro partner attuale” afferma Murada. Inoltre, come server che sostiene le basi della virtualizzazione, è stata utilizzata la piattaforma di servizi unificata “BladeSymphony” di Hitachi.

Presentazione del nuovo sistema di Bridgestone Software (Ltd)

Questo sistema ha indubbiamente un’alta efficienza ed affidabilità, è possibile installarlo nella maggior parte dei computer compatti, e presenta inoltre l’importante pregio di bassi consumi elettrici. Il “BS320” è un modello piccolo ad alta capacità di accumulo e, come server che soddisfi questi particolari requisiti, rappresenta sicuramente un’ottima scelta. Inoltre, come software di virtualizzazione del server, è stata utilizzata l’ultimissima versione di “VMware” dell’azienda VMware, rilasciata in contemporanea. “Sono necessarie verifiche meticolose dopo l’introduzione di nuovi prodotti, ma questo fa parte del regolamento stesso della Hitachi. Al riguardo non deve pertanto esserci alcuna preoccupazione” sostiene Murada. Come primo passo, si unificano 10 blade in uno chassis in circa 100 server nell’ambiente virtuale I sistemi di Bridgestone software sono in genere sistemi specifici per imprese e sistemi di storage. In questa prima fase, è stato soprattutto il gruppo degli ultimi sistemi ad essere l’obiettivo della virtualizzazione unificata. “Tra i sistemi di storage, ve ne erano numerosi che lavoravano con vecchi sistemi operativi, e la preoccupazione per i problemi dipendenti da malfunzionamenti era palpabile. Quindi, in questa fase iniziale, abbiamo pensato a come creare le circostanze per la virtualizzazione di questi sistemi” dichiara Takano. Tra i vecchi server, molti possedevano un case voluminoso: la speranza quindi era anche quella di ottenere risultati importanti riguardo al problema di ridurre lo spazio di posizionamento. Nella scelta del software obiettivo dell’unificazione, il supporto di Hitachi è stato di grande rilievo. “Abbiamo ottenuto la collaborazione di Hitachi per migliorare l’efficienza del sistema, analizzando le condizioni d’uso delle risorse di ogni sistema. In questo caso, mitigando le condizioni di obsolescenza e di limiti di sicurezza dei sistemi operativi, abbiamo ottenuto la combinazione ottimale” sostiene Takano. Questi risultati si stimano nella possibilità di unificare 10 blade in uno chassis in circa 100 server, i BS320. Inoltre, per minimizzare i tempi di fermo connessi a problemi o al mantenimento, è stato introdotto un server di scorta parallelo, composto ugualmente da 10 blade e uno chassis. “Nell’eventualità di problemi, non è necessario arrestare il sistema nemmeno dopo l’aggiornamento del firmware” dichiara Takano. Dunque, anche se normalmente il server di scorta è utilizzato per effettuare test e verifiche, ha anche una sua efficacia propria. Il passo successivo è portare la riduzione dello spazio del server room a ¼ In azienda si è cercato di produrre un ambiente virtuale aggiungendo blade, ed in questo caso si è puntato ad un sistema nuovo, aggiungendo un ambiente virtuale di 10 blade appena uscito sul mercato. “Ci aspettiamo la possibilità di ridurre di ¼ lo spazio del server room, grazie a questa virtualizzazione unificata. Inoltre, riducendo anche il dispendio energetico del server e del sistema di ventilazione, l’intera azienda si impegna nella grande sfida del risparmio energetico” afferma Murada. “Poiché ci sono ancora molti nostri fileserver utilizzati, desideriamo incorporare anche questi nel progetto in maniera positiva. In questo modo, anche gli addetti al supporto degli utenti saranno affrancati dalla difficile gestione del server, e potranno concentrarsi sui loro impegni originari” sostiene Takano. Nel presente sistema, assieme al controllo unificato in JP1, si utilizza anche “ASSIST”, sistema di supporto e manutenzione a distanza della Hitachi Electronis Services Co. Ltd. Questo è molto utile nell’ottica della risoluzione di eventuali problemi. L’efficienza di Hitachi, che parallelamente a BladeSymphony presenta anche il nuovo “Hitachi Universal Storage Platform”, contribuisce a garantire la fiducia nell’ambiente virtuale. “Per quanto riguarda la costruzione di questo sistema, contiamo sulla possibilità di offrire un servizio puntuale nei confronti delle aziende. In futuro, pensiamo di estendere il campo di applicazione anche ai sistemi d’impresa, migliorando il livello del servizio ed il suo adattamento alle infrastrutture IT” illustra Murada entusiasta. BladeSymphony, con il supporto di Hitachi, sicuramente affronterà la sfida che Bridgestone Software si propone, con il contributo di tutto il Bridgestone Group.

*L’efficacia del sistema introdotto dipende dal modello/dalle specifiche al momento dell’introduzione, nonché dal sistema dell’utente corrente.

 VMware è un marchio registrato dalla VMware, Inc negli Stati Uniti e in altri Paesi.

Altri nomi di prodotti e aziende sopra citati sono marchi depositati presso le rispettive aziende. Informazioni Per quanto riguarda il presente articolo, è possibile contattare Hitachi Ltd, divisione Server per le imprese. Per quanto riguarda i prodotti, è possibile contattare il Centro HCA.

07 marzo 2016
Esegui ricerca

ASSINFORM Associazione italiana per l'Information Technology | CF: 97383050156 |  ©2008-2017 All rights reserved

 Linkedin - Twitter - Facebook

 

Power by Kalì