I casi di successo delle aziende italiane
che hanno adottato soluzioni IT

Ricerca
per mercati e soluzioni:

Alimentare Applicazioni contabili/fiscali Architetture IT (Middleware, MFT, SOA, ESB) Assicurazioni e finanziarie Automotive Aziende associate Banche Big Data Big Data Analytics & Business Intelligence Biotecnologie e farmaceutica BPM - Business Process Management Business analytics Business analytics e big data Casi di successo Chimica Cloud Computing Cloud Computing Comunicati stampa Consumer CRM CSR (Attività sociali, donazioni, GreenIT) Data Center Dati, report e ricerche Difesa e Spazio Digital API Innovation Digital disruption Digital trasformation Distributori hardware e software Distribuzione e Servizi ECM - Gestione Documentale eCommerce Edilizia e costruzioni Education E-Learning/Formazione Elettronica Energy & Utilities Enterprise portal/CMS/Motori di ricerca Enti locali Eventi e sponsorizzazioni Fatturazione elettronica Fornitore di outsourcing/Managed Services/BPO Fornitore servizi di assistenza Fornitore servizi di consulenza Fusioni e acquisizioni Gestionale ERP (SCM, PLM) Global vendor hardware Global vendor software Gomma e materie plastiche Governance Hardware HR/Perfomance Management Imprese Industria IoT ISV Legno e arredo Logistica e trasporti Mercato estero Metallurgia e meccanica Mobile Mobile Mobile App Mobile commerce Mobile Payment Navale Network & System Management Nomine e lavoro Notizie corporate Operatore TLC Outsourcing ICT Partnership e accordi commerciali PMI Premi, risultati e certificazioni Prodotti e soluzioni Pubblica Amministrazione Report e ricerche Reseller hardware e software Reti di impresa RFID Risultati finanziari Robotica Sanità Security & cybersecurity Servizi di Rete fissa e mobile Servizi IT (Data Center, Cloud computing, Storage) Sicurezza integrata (informatica e fisica) Software House Stampa 3D Start Up Start-up Storage Studi professionali/SOHO System integrator Telecomunicazioni e Media Tessile e moda Travel & Transportation Unified Communication & Collaboration Utilities VAR (Value Added Reseller)

a.Testoni S.p.A.

a.Testoni S.p.A.: cash pooling e tesoreria internazionale

Il cliente

a.Testoni rappresenta l’eccellenza della moda italiana a livello internazionale. Le calzature di lusso dell’azienda di Argelato si trovano negli show room delle più prestigiose vie di Milano, Roma, Parigi e non solo. Con un fatturato di circa 43 milioni di euro, a.Testoni vanta oltre 70 punti vendita in tutto il mondo, di cui 40 di proprietà, con una particolare presenza in Estremo Oriente. Le sue esigenze di tesoreria hanno portato l’azienda a defi nire un progetto di cash pooling internazionale e ad introdurre la soluzione Sage FRP Treasury per la gestione della tesoreria di gruppo ed operativa. Approfondiamo con Massimo Dall’Ara, Direttore Amministrativo di a.Testoni, i motivi della scelta.

Il progetto

Quali sono le modalità di vendita di a.Testoni?

“I nostri canali di vendita sono principalmente tre: retail, wholesale e franchising”.

Che cosa ne consegue in termini di gestione della tesoreria?

“Abbiamo modalità eterogenee di gestione della tesoreria. Per quanto riguarda i negozi di proprietà, le previsioni relative agli incassi arrivano alla casa madre dalle controllate, in valuta estera. Invece, per i clienti non retail, sia distributori che franchising, le previsioni di incasso sono ricavate dal gestionale, in base alle informazioni desumibili dalla contabilità e dal sistema gestionale di magazzino. Ulteriore complessità deriva dal fatto che la nostra produzione sia realizzata prevalentemente su commessa e non a stock. A questa eterogeneità di gestione della liquidità aziendale si aggiunge la gestione degli affidamenti e dei finanziamenti: per struttura societaria sono sempre in capo alla casa madre, mentre la liquidità, prima del progetto di cash pooling, restava in giacenza presso le filiali”.

Con quali conseguenze?

“Squilibrio di cassa, alti oneri finanziari e mancata ottimizzazione della liquidità sono le conseguenze da cui derivavano alcune limitazioni al piano ambizioso di crescita che ci eravamo posti. La coerenza tra le decisioni strategiche e gli obiettivi finanziari era, dunque, diventata un punto di vitale importanza”.

La soluzione

Quali decisioni ne sono conseguite?
“Analizzate le caratteristiche della nostra tesoreria, i diversi approcci al business e la roadmap futura, abbiamo deciso di centralizzare la liquidità aziendale e di lasciare le scelte di fabbisogno finanziario in capo alla casa madre. Tra le peculiarità del nostro progetto rientra il fatto che si tratta di un cash pooling multi-valuta in un contesto di tesoreria internazionale con diversi canali di vendita. Una scelta di questo tipo porta non solo all’ottimizzazione degli oneri finanziari, delle relazioni bancarie e delle posizioni finanziarie intercompany, ma ci permette anche l’allineamento tra i processi order-to-cash e purchase-to-pay per ogni tipologia di business. La riduzione dei rischi finanziari accompagna scelte di pianificazione finanziaria in coerenza con le strategie direzionali dell’azienda”.

Quando è nata l’esigenza di dotare l’azienda di un software di tesoreria?
“Contestualmente al progetto di cash pooling che ha aumentato l’operatività della funzione di tesoreria e spostato l’ottica dal dato bancario alla visibilità della liquidità di gruppo. Sage FRP Treasury è una soluzione nata per gestire le problematiche di gruppi aziendali internazionali. L’abbiamo scelta per automatizzare i processi di tesoreria, garantendoci integrità dei dati, visione sintetica e strategica della liquidità aziendale in tempi rapidi, velocità di decisione. A questo proposito è stata anche automatizzata la preparazione di reportistica direzionale. Va, inoltre, aggiunto il monitoraggio delle giacenze di tesoreria ed una loro gestione anticipata, che per noi è fondamentale in quanto abbiamo una forte stagionalità degli incassi e dei pagamenti”.

I vantaggi

A partire da queste osservazioni, come cambia il ruolo della tesoreria aziendale?

“Diviene sempre più strategico nei confronti delle scelte aziendali. Il ruolo passa dalla gestione delle relazioni bancarie alla piena responsabilità della liquidità aziendale. La corretta interazione tra le dinamiche gestionali ed i processi finanziari è tra le principali richieste del management, ovviamente senza aumentare i costi interni ma ottimizzando i processi ed i costi di transazione tra i reparti. Il progetto di cash pooling ci permette concretamente di reperire risorse direttamente all’interno dell’azienda, senza interessare le banche ed attuando una politica di autofinanziamento intercompany completamente automatizzata e poco invasiva sul nostro modello di business. Le ‘nuove’ risorse a disposizione sono strategiche per ogni progetto di miglioramento e sviluppo del business”, conclude Dall’Ara.

 

29 aprile 2013
Esegui ricerca

ASSINFORM Associazione italiana per l'Information Technology | CF: 97383050156 |  ©2008-2016 All rights reserved

 Linkedin - Twitter - Facebook

 

Power by Kalì