Sito dedicato alle Aziende Associate

«Riconoscere e promuovere i talenti tra famiglia e lavoro»

Linda Gilli, presidente e ad di Inaz, interviene il 29 maggio all’incontro promosso dall’Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti alla vigilia della visita del Papa a Milano 

«Gestire le risorse umane vuol dire mettere al centro il rispetto dell’individuo, creare le migliori condizioni per il suo lavoro e la sua crescita e valorizzarne le competenze. E vuol dire anche responsabilizzarlo e portarlo a condividere strategie e valori aziendali».

Parola di Linda Gilli, presidente e amministratore delegato di Inaz, una delle più importanti società italiane a occuparsi di software e servizi per l’amministrazione e la gestione del personale.

Linda Gilli interviene il 29 maggio al convegno “Tempi del lavoro, tempi della famiglia” organizzato dall’UCID - Unione Cristiana Imprenditore e Dirigenti all’Abbazia di Opera (MI), evento collaterale al VII Incontro Mondiale delle Famiglie che vedrà arrivare a Milano il Santo Padre.

L’intervento di Linda Gilli, dal titolo “Riconoscere e promuovere i talenti tra famiglia e lavoro”, fa parte dei contributi portati da imprenditori, psicologi e docenti di economia e diritto alla riflessione sul tema sempre più critico della conciliazione tra famiglia e lavoro.

«Sono tanti gli strumenti a disposizione degli imprenditori per gestire le persone perseguendo l’obiettivo della loro crescita e di quella dell’azienda –afferma Gilli–.

Si tratta di analizzare il clima aziendale, le competenze del personale, di monitorarne il lavoro nel tempo; ma anche di pianificare accuratamente la formazione interna e di organizzare un sistema premiante per valutare e riconoscere le prestazioni».

Un esempio delle Buone Prassi messe in campo dalla stessa Inaz è il progetto FamigliaLavoro, volto a conciliare questi due aspetti fondamentali della vita dell’individuo e dell’azienda in modo che entrambe possano trarne vantaggio. «Puntiamo su flessibilità e formazione per mantenere la professionalità di chi si assenta per il congedo parentale –spiega ancora Linda Gilli–.

Incentiviamo il rientro dopo tre mesi, su base volontaria, seguendo sempre il dipendente durante l'assenza e applicando dove possibile il part-time e il telelavoro».

Dall’altra parte, i colleghi sono sensibilizzati a non considerare un'assenza per maternità o paternità come un aggravio di lavoro e responsabilità.

Il management è spinto a proteggere le competenze durante il congedo e a valorizzare le persone al rientro. Continua Gilli: «Vogliamo superare stereotipi che mortificano sia le donne, viste solo nel loro ruolo di "brave mamme", sia gli uomini, ritenuti incapaci di curare e crescere i figli piccoli».

Per i papà dedicarsi alla famiglia è una straordinaria opportunità di crescita, e questo ha effetti positivi anche sul lavoro.

Per le mamme investire su se stesse e sulla propria carriera, cercando di ridurre al minimo il distacco dalla propria realtà professionale, è una scelta che a medio e lungo termine ripaga sul piano economico e personale. A condizione, appunto, che l’azienda sappia sostenerle nel percorso con i giusti strumenti.

«Crediamo che ogni lavoratore debba essere messo in grado di organizzare il proprio tempo tenendo conto delle sue esigenze familiari e di dare il meglio in azienda –conclude Linda Gilli–. Se questo si verifica, l'impresa può solo crescere».

Informazioni su INAZ
Inaz Srl è una delle più importanti realtà italiane nella produzione software ed erogazione servizi per l'amministrazione del personale e la gestione delle risorse umane. Con una rete di agenzie e punti assistenza in tutta Italia, Inaz offre le sue soluzioni a più di 10mila clienti fra aziende, studi professionali, consulenti del lavoro e associazioni di categoria. Inaz, con il suo Centro Studi, è anche punto di riferimento per imprese e professionisti in tema di aggiornamento, consulenza e formazione. La sede centrale è in Viale Monza 268 a Milano. www.inaz.it.

Per ulteriori informazioni:
Inaz Alessandra Gioini Tel. 02.277181 gioinia@inaz.it
Ufficio Stampa Inaz – Eo Ipso Srl Miriam Giudici tel. 0331.594166 mgiudici@eoipso.it
 

Esegui ricerca

ASSINFORM Associazione italiana per l'Information Technology | CF: 97383050156 |  ©2008-2016 All rights reserved

 Linkedin - Twitter - Facebook

 

Power by Kalì